Chitarra_MilaniSempre più spesso mi viene chiesto quali sono gli accordi costruiti sulle varie scale maggiori o minori.

Oggi mi occupo della scala maggiore, ma vediamo prima cos’è una scala musicale.

Nel mio corso di teoria musicale dico che “la scala musicale si ha quando i sette suoni (cioè le note) vengono messi in ordine successivo; dopo il settimo suono si ricomincia daccapo con la stessa successione“.

Inoltre, “la scala prende il nome dalla prima nota da cui comincia la successione: se, ad esempio, la prima nota è DO, allora avrò la scala di DO, se è MI, allora avrò la scala di MI“.Scale_accordi

Praticamente una scala è la successione delle sette note (ognuna chiamato grado della scala) e in base agli intervalli che formano le note tra di loro abbiamo un tipo di scala piuttosto che un altro.

Abbiamo perciò una successione di toni e semitoni che mi indicano a quale scala mi sto riferendo e, ultimamente, in quale tonalità mi trovo.

La scala maggiore è formato da una successione di due toni, un semitono, tre toni e un semitono.

Qui di seguito ti metto tutte le scale che troviamo nel nostro sistema musicale temperato.

Come vedrai, le ho divise in tre gruppi:

  • la scala di DO maggiore che è l’unica scala che non ha bisogno di nessun tipo di alterazioni, quindi né diesis né bemolle
  • le scale con i DIESIS
  • le scale con i BEMOLLI

Eccole:

Scale_maggiori

Come puoi notare non sono consecutive, cioè non c’è prima la scala di DO poi quella di RE poi quella di MI ecc, ma seguono un ordine diverso: seguono cioè l’ordine del circolo delle quinte, dove la prima nota della scala è ad un intervallo di 5° dalla nota precedente.

Bene, a questo punto passiamo avanti.

Su ognuna di queste note posso costruire un accordo formato, minimo, da tre suoni, ma posso metterne quanti ne voglio.

Gli accordi che costruiremo saranno formati dalle note che troviamo nella scala, quindi se avremo, ad esempio, il FA# in SOL maggiore, tutte le volte che trovo il FA su qualsiasi accordo in questa scala, questo sarà DIESIS.

Parlando degli accordi di tre suoni, cioè delle triadi, possiamo dire che troviamo l’accordo maggiore sul I, IV e V grado (cioè gli accordi costruiti sulla prima, quarta e quinta nota saranno maggiori), l’accordo minore sul II, III e VI grado, l’accordo diminuito sul VII grado.

Volendo aggiungere la settima, avremo che sul I e IV grado abbiamo un accordo di settima maggiore (quello denominato “7+”), sul V grado abbiamo una settima di dominante (semplicemente “7″), sul II, III e VI grado abbiamo la settima di seconda specie (quella conosciuta come “m7″), mentre sul VII grado abbiamo la settima minore ma con la 5° diminuita (“dim7″).

In un altro articolo della Scala minore naturale.

Scale_accordi